Resine di marmo RESIFIX

Resine di marmo RESIFIX.

 

Marmo  resina

 

Le resine di marmo si riferiscono a prodotti polimerici (naturali, artificiali o sintetici) come materiali di base. La resina viene utilizzata per produrre, ad esempio, materie plastiche, tessuti, vernici (liquide o in polvere), adesivi, vernici, schiume polimeriche. Esistono diversi tipi di resine, termoplastiche o termoindurenti. Sono chiamate resine di marmo perché vengono aggiunte alla ghiaia di marmo, più spesso chiamate “aggregati“. Oppure vengono utilizzati come strato adesivo o protettivo e anche come strato impermeabilizzante.

Prezzo delle resine di marmo

 

RÉSINE
TIPO RESINA
PREZZO (Kg o L)
CONFEZIONE
RESIPREP
Prodotto per la preparazione del terreno 7,88 € Bidone da 5 L
       
RESIPRIMER
Resina primer per il pavimento 15,12 € Kit da 3 Kg
    12,42 € Cisterna di + de 200 Kg / 1000 Kg
       
RESIFIX (Monocomponente)
Resina per la miscelazione con aggregati 19,70 € Bidone da 5 kg
    18,69 € Confezione da 30 Kg
    18,12 € Cisterna di 200 Kg
RESIFIX (Bicomponente)
RESIFIX 2 K 21,25 € Kit da 2,5 Kg
       
RESIPROTEC (Bicomponente)
Resina protettiva a lunga durata 21,60 € Kit da 5 Kg
RESIPROTEC (Bicomponente + Silice)
Resina protettiva con silice 22,60 € Kit da 5 Kg
       
RESIMPER
Resina guaina impermeabilizazzione 10,41 € Bidone da 5 kg
    9,32 € Bidone da 25 kg
       
RESIGLIDE
Prodotto per l’applicazione 12,49 € Bidone da 5 L
       
RESICLEAN
Prodotto per pulizia attrezzi 7,35 € Bidone da 5 L
       
RESINET

Prodotto di manutenzione

6,36 €

Bidone da 5 L

Resina allo stato naturale

Molte piante (conifere ma anche alcune rose) secernono una sostanza liquida più o meno viscosa che “traspira” in superficie. La sua funzione principale è quella di garantire la guarigione in caso di lesioni o di proteggere dagli attacchi dei parassiti. Alcuni studi recenti hanno dimostrato che la resina fornisce anche protezione contro le alte temperature e l’essiccazione.  Utilizziamo le resine di marmo per le stesse caratteristiche

La resina si differenzia dalla linfa perché non partecipa alla dieta della pianta. Non si trova nelle stesse tubazioni e non è soggetto agli stessi processi di circolazione.

La resina viene generalmente immagazzinata in canali di resina (o resiniferi) circondati da celle di produzione della resina. Questi canali si trovano all’interno o sulla superficie dell’impianto.
Mentre la linfa, che fornisce le sostanze nutritive, circola in tutta la pianta, ma in altri canali. Alcuni per la linfa grezza e altri per la linfa elaborata.

Il termine accettato per questa “traspirazione” è essudazione.

Resina di pino-ramato

Resina di pino-ramato.

Caratteristiche

Sostanza organica solida o semifluida, la resina allo stato naturale si trova sulle conifere come il pino, l’abete o l’abete rosso. Infiammabile, non solubile in acqua, di colore giallo o marrone, si trova anche su alberi terebintocei. Si ottiene per essudazione spontanea o indotta su molte piante. Hanno l’aspetto di un liquido appiccicoso che si asciuga più o meno rapidamente a contatto con l’aria. Sono spesso fortemente odorosi. 

Ma non tutte le conifere producono resine : è il caso, ad esempio, del Thuja gigante e dello Tsuga della California. E ci sono molte altre piante oltre alle conifere che secernono resine. Alcuni alberi di drago e altri generi forniscono resine rosse chiamate sangue di drago, che una volta erano usate come coloranti. Le Burseraceae forniscono resine di incenso o mirra. La cannabis trasuda una resina che viene usata come farmaco psicotropo e talvolta viene utilizzata nei prodotti della farmacopea.

Non si dice più “plastica”, ma “resine di marmo”.

In un materiale plastico rinforzato, la resina, detta anche matrice, molto fluida o molto viscosa, viene utilizzata come legante. Viene utilizzato per fare contatto tra le diverse particelle del rinforzo, come fibre, perline o microsfere. Le microsfere (particelle sferiche con un diametro di circa un micrometro) sono talvolta chiamate “microparticelle” o “microsfere”. Utilizziamo anche microsfere nelle resine di marmo per renderle ancora più antiscivolo.
Ad esempio, il prepreg SMC è composto da una resina poliestere, un rinforzo (fibra), cariche (microsfere) e un catalizzatore (catalizzatore). Questa miscela è pronta per lo stampaggio a compressione a caldo ed è disponibile in forma di foglio.

Poiché il termine “plastica” ha una connotazione peggiorativa per alcuni consumatori, la parola resina è più spesso usata. Questa parola è spesso usata dai produttori, la resina di marmo segue la stessa logica.

Sistema di codifica per resine di marmo e altre resine

Il sistema di codifica di identificazione della resina SPI è un codice sviluppato nel 1988 dalla Society of the Plastics Industry. È stato sviluppato per facilitare la selezione e il riciclaggio di bottiglie e contenitori di plastica.

Adottato volontariamente in Germania con il nome di DIN 6120, è conforme ad una specifica codifica. È conforme alla decisione della Commissione europea del 28 gennaio 1997 (97/129/CE).

Piscine in resina

Piscine in resina.

Resine per l’industria

Le resine hanno alcune caratteristiche che le hanno rese attraenti per l’industria per molto tempo e le applicazioni sono molto diverse. La loro capacità di indurirsi lentamente li rende delle ottime vernici (tecnica nota fin dal IX secolo).

La loro insolubilità in acqua li rende un materiale molto interessante per la preparazione di rivestimenti sigillanti per navi o container.

Un’altra interessante proprietà delle resine vegetali è che sono solubili in alcali. Possono dare origine a saponi (sali di acidi grassi). Ottenuto per reazione tra NaOH e le grandi molecole di acidi grassi contenute in alcune resine (ad es. acido abietico).

Sono utilizzati anche in medicina (uso esterno ed interno) per il loro effetto antisettico e antibatterico. Sono ancora oggetto di molte ricerche per tutti i loro effetti farmaceutici.

Naturalmente, le resine ricche di composti aromatici volatili sono utilizzate nell’industria dei profumi. Le resine di marmo non sono resine naturali.

Nel 1907, il chimico americano di origine belga Leo Hendrik Baekeland sviluppò la bachelite. Questo nome verrà utilizzato per designare la resina sintetica a base di fenoli e formaldeide. Resistente al calore e a molti prodotti chimici e all’isolamento elettrico, la bachelite può essere utilizzata come sostituto di molti materiali. Sembra che questa resina sia stata scoperta prima di Baekeland. Ma è stato quest’ultimo a sviluppare il processo per ottenere questa prima plastica termoindurente. Questa proprietà apre una grande varietà di usi per questo composto in elettricità, chimica, ecc. Per le sue ricerche, Baekeland ha usato i soldi che Eastman Kodak gli ha dato per acquisire il suo brevetto sulla carta fotografica. Lo sviluppo della bachelite ha segnato l’inizio dell’industria della plastica che si sarebbe sviluppata nel corso del ventesimo secolo. Le resine di marmo sono diverse dalla bachelite.

Certificazioni tecniche ottenute con le resine di marmo

  • ETA : European Technical Assessment document Nº 06/0263 – CE marking : 10 and 25 years.
  • Flat roof external fire exposure Nº 06/32301345
  • Roof 45º fire resistance Nº 08/32309237
  • Root perforation no RESIMPER Nº 07/32305556 with RESIMPER Nº 07/32305557
  • Abrasion Taber Nº 10/101.729-1626
  • QUALICONSULT : Notebook of Technical Terms CCT nº 50 712 004 096 MS
  • BBA : British Board of Agreement 11/4836
  • IETcc report 19.221-II (2007) on thermal resistance.

 

Certificazioni-ottenute

 

 

 

 

 

 

LOGO RESIMARMO (transparent)